VOCABOLARIO DELLA LINGUA AGNONESE

 

 

 

J

jaccej [jat<tj] v.tr. e imp., ghiacciare, far gelo, far diventar ghiaccio.

jacc [<jatt] s.m., ghiaccio.

jamm [<jamm] escl., forza, dai, su, muoviti.

jnna [<janna] pres.ind. di jjj, andiamo; termine usato in c.da Fontesambuco.

jppca [<jappka] avv., piano, lentamente: tatun la sira sartira jppca jppca nonno la sera torna a casa piano piano; vd. apl, tum.

javrll [ja<vrill] s.m., peperoncino; vd. diavrll.

j [<j] pron., gli, le; fras.: j vuglj bbin gli voglio bene; j se rjja gli dispiace.

jcqur [<j&kkwr] s.m., una delle quattro corde del basto appesa allarcione e sistemata in un anello di legno denominato cuvlla: sciuglj r jcqur ca ma carche n slma d lina sciogli le funi che dobbiamo caricare una soma di legna.

jdzi [j<ditsj] s.m.p., giudizio, senno: chiss tarmttn l jdzi i bambini ti rimettono il giudizio.

jffl [<jeffl] s.f.p., botte, percosse: s tacchippa mmta vie p jffl se ti prende tua madre sono schiaffi.

jlej [j<lj] v.tr. intr. e imp., gelare, formarsi il ghiaccio; fras.: jntt jlet questa notte ha gelato; l chiandim s&n jlet le piantine si sono gelate; m simbr Pitr jlet detto a chi soffre sempre il freddo; ru murt sra vstjj prima ch s jila il cadavere deve essere vestito prima che si verifichi lirrigidimento cadaverico; vd. tarmej, arrapprjlrs.

jleta [j<lta] s.f., brinata, gelata: ste na jleta smbra c ningut c una gelata sembra che nevicato; vd. tarmazzura.

jnstra [j<n&tra] s.f.bot, Spatium junceum ginestra; l jnstr pabbrsciu ru purch le ginestre per bruciacchiare il maiale prima della strinatura; vd. ctca, trisp.

jnstrer [jn<trr] s.m., luogo ricco di ginestre.

instrlla [jn<trella] s.f.bot., Coronilla varia coronilla.

jnga [<j&ga] s.f., giovenca: la jnga s fglieta la giovenca ha figliato; m. jngh.

jnibbl [j<nibbl] s.m.bot., Juniperus communis ginepro comune.

jnner [jn<nr] s.m., gennaio; prov.: jnner sicch masser ricch gennaio asciutto casaro ricco; jnner sfscia pagliar gennaio sfascia le masserie a causa delle forti nevicate; a SandAndgn d jnner ajjgn la lsca a ru pqurer a SantAntonio di gennaio aggiungi il pane al pastore perch la giornata diventa pi lunga.

jntt [j<n$tt] avv., questa notte.

jnucchj [j<nwkkj] s.m., ginocchio; scherz.: sra spuse ca j rrviat a ru jnucchj! si deve sposare perch stufo di attendere; fig. fatt nu jnucchj d niv la neve caduta alta fino al ginocchio.

jrrs [j<r$rz] v.rifl., fidanzarsi ufficialmente: s jrut dmnca passeta si fidanzato ufficialmente domenica scorsa.

jrva [<j&rva] s.f., erba; fras.: nascss asc la rrbba gn nasc la jrva al contrario dei prodotti, lerba nasce in quantit; fig.: la mla jrva n mur miaj le persone cattive non muoiono mai.

jrva a aglj [<j&rva a <a] s.f.bot., Teucrium scordium scordio.

jrva bbrsca [<j&rva b<brusca] s.f.bot., Rumex acetosa acetosa.

jrva cannlla [<j&rva can<nella] s.f.bot., Sium latifolium sedanino dacqua.

jrva canina [<j&rva ka<nojna] s.f.bot., Agrophyrum caninum dente canino; Agrostis stolonifera cappellini comune.

jrva cmclla [<j&rva tm<tella] s.f.bot., Geranium robertaianum cicuta rossa.

jrva chiattlla [<j&rva chiat<t&lla] s.f.bot., Lynaria cymbalaria cimbalaria; vd. chiattlla.

jrva cructta [<j&rva kru<tetta] s.f.bot., Verbena officinalis verbena.

jrva cudlla [<j&rva ku<della] s.f.bot., Alopecurus agrestis cedolina.

jrva curncchia [<j&rva kur<nakkja] s.f.bot., Erysimum officinale erisimo.

jrva dcqua [<j&rva <dakkwa] s.m.bot., Trollus europaeus rollio.

jrva d l frmich [<j&rva d l fr<mojk] s.f.bot., Achillea millefolium millefoglio.

jrva d l murrid [<j&rva d mur<r$jd] s.f.bot., Scrophularianodosa castagnola; Salvia pratensis salvia.

jrva d r cimc [<j&rva d r <timt] s.f.bot., Marrubio foetido marrubio.

jrva d r pducchj [<j&rva d r p<dwkkj] s.f.bot., Delphinium staphisagria stafisagria.

jrva d r purr [<j&rva d r <pwrr] s.f.bot., Celidonia verrucaria erba dei porri.

jrva d l sirp [<j&rva d l <sjerp] s.f.bot., Smilax aspera salsapariglia.

jrva d r ghtt [<j&rva d r <g&tt] s.f.bot., Teucrium chamaedrys camedrio comune.

jrva gattera [<j&rva gat<tra] s.f.bot., Nepeta cataria erba dei gatti.

jrva d San Giuunn [<j&rva d <San Dd#u<w&nn] s.f.bot., Hypericum montanum erba di San Giovanni montana.

jrva d San Giuspp [<j&rva d <San Ddu<s&pp] s.f.bot., Calendula officinalis calendula.

jrva d Sand Lurinz [<j&rva d <Sand Lu<rjendz] s.f.bot., Ajuga reptans iva comune, bugula.

jrva d Snda Marjja [<j&rva d <Sanda Ma<rojja] s.f.bot., Crysantenum balsamita tanaceto.

jrva grssa [<j&rva <grassa] s.f.bot., Veronica beccabunga erba grassa.

jrva lattarula [<j&rva latta<rewla] s.f.bot., Euphorbia cyparissias ciparisso.

jrva mdca [<j&rva <m&dka] s.f.bot., medicago sativa erba medica.

jrva srpndina [<j&rva srpn<dojna] s.f.bot., Ophyoglossum vulgatum erba serpentina.

jrva sulfarill [<j&rva sulfa<rjell] s.f.bot., Valium album caglio bianco.

jrva taglind [<j&rva ta<&nd] s.f.bot., carex flacca carice.

jrva vajula [<j&rva va<jewla] s.f.bot., Cerinthe minor scarlattina.

jrva vtrjula [<j&rva vtr<jewla] s.f.bot., Paritaria officinalis vetriola.

jst [<j˧t] avv., l, l, gi, di l: ll jst l; capll jst lontano, allestero.

jtta [<jtta] s.f., mazza verde e flessibile; fras.: na jtta p pare l pqura una mazza per parare le pecore; fig.: scuta na jtta nira da stt all scin uscita una serpe nera sotto il fieno.

jttej [jt<tj] v.tr., 1)buttare, gettare: nn bbun mangh p rs a jttej non buono nemmeno per andarsi a buttare; 2)contagiare: na malatjja ch s jtta una malattia che si trasmette; 3)fare la colata di calcestruzzo: massira sra jttej questa sera si deve fare la gettata di cemento.

jttchej [jtt<kj] v.tr. e intr. rifl. jttcrs, sobbalzare, saltare in su, essere colto di soprassalto; fras.: m ftta jttchej mi ha fatto spaventare; m s jttca lucchj mi batte locchio ; vd. ittch.

jttscijja [jtt<ojja] s.f., tubercolosi polmonare, tisi; poes.: Mngucc murtt d jttscijja Domenico mor di tubercolosi (in Nero, Poesie . . ., p. 31).

jzza [<jettsa] agg., donna dalla pelle scura: jzza nira ragazza mora; fig.: l calz d jzza nira calze fatte a mano, con la lana ottenuta da una pecora dal vello color marrone; vd. izz.

jnr [<jenr] s.m., genero; prov.: a jnr e nput chll ch fia e tutt prdut per generi e nipoti qualsiasi cosa fai inutile.

juu [<jiw] s.m., giogo: liva ru juu e scpla r vuv leva il giogo e libera i buoi.

jcca [<j$kka] s.f., chioccia; trad.p.: il sabato Santo a Villacanale, dopo che il sacerdote aveva benedetto la casa veniva invitato a sedere, altrimenti le galline non sarebbero diventate chiocce; forse al sedersi del sacerdote, per la magia omeopatica, corrispondeva laccovacciarsi delle galline per covare; fig. donna pasciuta che fa vita comoda.

jcch [<j$kk] voce per chiamare la chioccia: jcch jcch.

jjj [<jojj] pron. e v.tr., 1)io: jjj l sapiva io lo sapevo; 2)andare; fras.: c sra jjj ci si deve andare; jjj ch l mien appis portare una regalia; anche j.

jnda [<jonda] s.f., aggiunta, sovrappi: s navsta c mitt la jnda se non basta ci metti laggiunta.

jng [<jond#] s.m., Juncus inflexus, Junceum compressus giunco tenace; Jung fmmna giunco comune Juncus effusus; giunchi di piante: salice, ginestra: r jung pattacche la vgna, pattacche l pmmadur i giunchi per legare le viti, le piantine di pomodoro; vd. vgn.

jrda [<j$rda] s.f., giarda, proliferazione ossea in corrispondenza del legamento laterale del garretto degli equini; fig.: jn calet l jrd ha i piedi rovinati; tjj l jrd a r pid non vuole muoversi per apatia. Di Pasquo Verificare

jzza [<j$ttsa] s.f., 1)sudiciume, untume che una persona ha sulla pelle; 2)melma, acqua sporca, brodaglia: ci ftta magnia nacquajzza ci ha fatto mangiare una brodaglia; vd. leccajzza.

juccnna [juk<kanna] s.f., chiocciata, covata; trad.p.: un tempo per favorire la nascita delle galline, le donne munite di cercine deponevano le uova sotto la chioccia, scongiuravano il malocchio e formulavano auspici.

juchej [ju<kj] v.tr. e intr., giocare; iuchej: a scopnnascnn a nascondino, a pallcc a biglie di vetro.

jujeta [ju<jta] s.f., azione stupida e balorda, errore da imbecille: ftta la jjeta ha fatto la fesseria.

jumnda [ju<m&nda] s.f., giumenta: la jmnda fatt nu bbll pllitr la giumenta ha dato alla luce un bel puledro; fig. ragazza bella e prosperosa; vd. stcca.

jummlla [jum<m&lla] s.f., giumella, quanto entra nelle due mani unite per il lungo e leggermente incurvate; fras.. na jummlla farina una giumella di farina; nn vvr mbccia a ru tubb d la fnd fe ch la jummlla non bere vicino al tubo della fontana usa il concavo delle mani.

jundarlla [junda<r&lla] s.f., parte del rinforzo di cuoio posto tra suola e tomaia della scarpa; poes.: na jundarlla uardngill una aggiunta al guardone (in Nero, Poesie . . ., p. 11).

jundej [jun<dj] v.tr. e intr., balzare, schizzare, saltare in su; fras.: la mchna jundtt p dria la macchina schizz in aria; t faccj junde r dind ti faccio saltare i denti.

jurn [<jwrn] s.m., giorno; fras.: ma fe nu jurn appriss lldr dobbiamo vivere alla giornata; scagnieta la ntt p ru jurn ha scambiato la notte con il giorno; tutt r jurn r fatt Ddjja ogni giorno buono; prov.: SandAndgn d jnner jurn e ntt a per a per nel giorno di SantAntonio Abate giorno e notte hanno quasi la stessa durata.

jurneta [jur<nta] s.f., giornata, paga giornaliera; fras.: cambe lla jurneta vivere alla giornata; quand ntt e na jurneta lo dicono le persone tranquille o i buontemponi; jjj a jurneta andare a lavorare a giornata; s jurnet arrubbet quando si favoriti dal tempo fuori stagione, lo dicono pure gli anziani e i malati che nonostante tutto continuano a vivere.

just [<jut] agg. avv., giusto, equo, esatto; fras.: n m laccnd jsta non dici la verit; just muu proprio adesso; sc mnut just just sei arrivato giusto in tempo.

jstra [<jutra] s.m., divertimento, svago, trastullo: s mammucc n acchiappeta na malnn d jstra quei bambini si sono sfrenati a giocare.

juvej [ju<vj] v.intr., giovare, procurare un vantaggio durevole: benmjja gn m guua! come mi d sollievo, come mi giova!

 

          INDEX                    

VOCABOLARIO DELLA LINGUA AGNONE  I

 

LETTERA M