VOCABOLARIO DELLA LINGUA AGNONES

 

 

                                                                           VOCABOLARIO DELLA LINGUA AGNONESE

 

 

F

fabblun [fabb<lewn] s.m. e agg., chiacchierone, parabolano, ciarlone.

facctlla [fatt<t&lla] s.f., faccia pallida, smagrita: ru citr ftta la facctlla il bimbo ha il viso pallido.

fccia [<fatta] s.f., faccia; fras.: fccia tnda faccia tinta; fccia vritt faccia sporca; ch bblla fccia ch tia! sei sfacciato!;prov.: ch t la fccia s marta e chi n rsta zta per certe cose bene essere espansivo e sfacciato; ch ndsta chta (indicando la faccia) arrgn chsta (indicando la pancia); n m lave la fccia ca madmen m lajj laveta quando si fa un apprezzamento tanto per farlo.

facciafrnd [fatta<frond] avv., di fronte, dirimpetto.

facciafrnd [fatta<frund] s.m., faccia a faccia, confronto per mettere in chiaro una cosa.

faclun [fat<lewn] s.m. e agg., superficiale, fatuo, leggero: vata a t gn sc faclun beato te come sei frivolo.

factura [fat<tiwra] s.f., manifattura, lavorazione: lla sartura j s pagheta schtta la factura alla sarta gli ho pagato solo la confezionatura.

faftt [fa<fett] ghiandole, linfonodi. Verificare.

fitt [<fajtt] s.m., pugno, cazzotto; vd. cazztt.

fajnzera [fajn<dzra] s.f., commerciante di piatti, forse da Faenza, citt dellEmilia Romagna conosciuta per le sue porcellane e ceramiche.

falsca [fa<lasca] s.f.bot., Brachypodium pinnatium falasco.

falchntt [falk<nett] s.m., falco; vd. arpun.

falgej [fal<gj] v.r., tagliare con la falce fienaia.

falgiun [fal<d#awn] s.m., falce fienaia, frullana.

falzqurt [faldz<kwart] s.m., inclinato, in posizione obliqua, che pende da un lato.

famcc [fa<mitt] agg. des., proprio del legno che diviene quasi fradicio.

famrr [fa<murr] s.m., puzza di intestini: sela ss gliuglir ca puzzan d famrr metti il sale a quelle striscette di trippa di maiale altrimenti puzzano.

fanatcarjja [fanatka<rojja] s.f., esaltazione, faziosit.

fanlla [fa<n&lla] s.f., tessuto morbido, flanella.

fangrd [fa<gard] s.m. e agg., infingardo, pigro, scansafatiche, svogliato.

fangtt [fa<g$tt] s.m., fagotto, involto.

faglia [fa<oa] s.m.bot., Fagus selvatica faggio; il faggio si trova nei boschi: Montecastelbarone, Passone, Monte Cerro, Selvapiana.

farchj [<farkj] s.f.bot., Vicia sativa veccia.

farnill [far<njell] s.m.bot., Chenopodium album farinello comune.

farfus [far<fiws] s.m. e agg., pieno o sporco di moccio, moccioso, petulante, presuntuoso: nu farfus mammucc un moccioso di ragazzo.

farfglia [far<fua] s.f., cosa mischiata, rimestata, impastata, la neve frammista al sale; vd. nfarfugliaj.

farina [fa<rojna] s.f., farina; prov.: quand ru plg e ndret lla farina ggi s crid ca mulner riferito a chi pensa di aver imparato tutto e presto; sc sciim gn la farina randgn sei scemo, insipido come la farina di granone.

frra [<farra] s.f.bot., Triticum dicoccum farro; Miscischia ricetta e notizie. Verificare

farraun [farra<ewn] s.m., fig. donna superba che si fa rispettare.

farrtta [far<retta] s.f.bot., Triticum monococcum farro primaverile.

farzlira [farts<l$jra] s.f., donna che racconta buffonate, che cade spesso nel ridicolo, pettegola.

fscia [<faa] s.f., fascia, ampia e lunga striscia di tela o lana con la quale un tempo si avvolgeva il corpo del lattante, dalle ascelle ai piedi; fascia che gli uomini portavano stretta alla cinta; prov.: ctra lla fscia ddda lla cscia un tempo quando nasceva una figlia femmina gi si pensava alla dote.

fasciul [fa<ewl] s.m., fagiolo; variet locali: gghingh, a crescia, tunn, cumbttll, magnattt, rambcnd, tabbcch, nir, pind, quarandin, d Spagna, dllucchj.

fasciultt [fau<litt] s.m., fagiolino.

fatiatur [fatja<tewr] s.m., lavoratore; scherz.: nu fatiatur ch l garz buono solo a mangiare.

fatjja [fa<tojja s.f., fatica, lavoro; prov.: la fatjja pila la cuda a ru vuu la fatica pesante; la fatjja accdtt tta il lavoro uccise mio padre; chi fatjja mgna, chi n nfatjja mgna e vaiv chi lavora mangia, chi non lavora mangia e beve.

ftta [<fatta] agg., 1)matura; 2)ubriaca: ste ftta; 3)loc., na ftta un gran numero una moltitudine di persone, di cose: na ftta uaglun una moltitudine di bambini; 4)nellespr. qund fin e ftta alla fin fine.

fatt [<fatt] s.m. e agg., 1)fatto, accadimento, vicenda, racconto; 2)frutto o persona matura; fras.: l prchuca s fatt le pesche sono mature; um fatt uomo maturo; 3)confezionato: fras.: vstit fatt e tutt vestito confezionato in fabbrica; 4)ubriaco: ste fatt; 5)nellespr.: s j v ftt se ne ha lopportunit; vd. dsfatt, ftta.

fattura [fat<tiwra] s.f., stregoneria, malia: ut a ru magher ca jn ftta la fattura andato al fattucchiere perch gli hanno procurato la fattura.

fagn [fa<u] s.m., favonio; vd. affaugniat.

fe [<f] v.tr. e intr., rifl. fars, fare, farsi.

fefa [<ffa] s.f., fava; faftta fava grande Faba major; fafleta favino Faba minor; msa fefa fava comune Faba equina; prov.: damm e dingh s fian ramic damm l fef ca t dingh r ciic con il dare e lavere si acquistano gli amici.

fema [<fma] s.f., fame; fras.: quir murt d fema quel morto di fame; tingh na fema ch ng vid ho tanta fame.

fbbrer [feb<brr] s.m., febbraio; prov.: fbbrer curt pjj d tutt febbraio corto freddo; fbbrer : s r jurn r tnss tutt tarmss l vin dndr all vutt febbraio: se avessi tutti i giorni ghiaccerei il vino dentro le botti; fbbrer fbbrarul gni gallina fita luv febbraio "febbraiolo" ogni gallina fa luovo.

fcaccen [fkat<tn] s.m., fiorone, primi fichi grandi: arpnn la vcca p r fcaccian stai zitto, non parlare a sproposito;vd. fqura.

fcat [<fekat] s.m., fegato: salgccia d fcat salsiccia con il fegato di maiale; fig.: ammalrs ru fcat inquietarsi molto; c vuu ru fcat! ci vuole coraggio!

fcatill [fka<tjell] s.m., fegatino, fegato di pollo, di capretto, di agnello, ecc.

fccarill [fkka<rjell] s.m. e agg., intrigante, scaltro, che si sa intrufolare, impiccione.

fcchiaj [fk<kjj] v.tr., infilare, ficcare, spingere allinterno con forza; fig.: s ve fcchnn si va intrufolando; prov.: prla pcca e fcca frt parla poco ma mordace; volg. possedere sessualmente; vd. ndurzej, ngarfuj, nzacchej, nzppej.

fchrul [fk<rwl] s.m., il piano del focolaio di pietra o di mattoni refrattari su cui si accende il fuoco: p ccr l paten stt lla cppa sra ngalle ru fchrul per cucinare le patate sotto la cppa si deve scaldare il piano del fuoco.

fczza [f<k$ttsa] s.f., bozzo, bernoccolo; vd. vuzz.

fdlin [fd<lojn] s.m., fedelino, pasta lunga e sottile che si mangia tradizionalmente la sera della vigilia di Natale con il sugo di baccal.

fdrs [fe<d&rz] v.rifl., fidarsi, aver fiducia, credere: nda fdia mangh d la camiscia ch purt ngull non devi fidarti di nessuno.

fedna [fe<dina] s., 1)anello del fidanzamento; 2)fedina penale, relativo alle pene dal punto di vista giudiziario.

fgliaj [f˰<j] v.tr., partoritre: sra fglia ca j scurt ru timb deve partorire perch scaduto il periodo di gestazione; vd. allvej.

fgliata [f˰<eata] s.f., donna partorita da poco: ve truue la fgliata vai a trovare la partorita; trad.p.: purte r pccun lla fgliata portare i piccioni alla partorita, un uso che oggid conservano pochissime famiglie contadine.

fglinna [f˰<&nna] s.f., parto: la mmma murtt d fglinna la mamma mor di parto.

fglistr [f˰<&tr] s.m., figliastro.

fjjna [f<jojna] s.f., faina.

flarlla [fla<r&lla s.f., 1)fila: na flarlla frmich tante formiche una dopo laltra; vd. flira.

flarill [fla<rjell] s.m., arcolaio.

flzia [f<latsja] s.f. e agg., donna svenevole, chiacchierona, che fa divertire.

flccia [f<letta] s.f., feccia; fig.: chid ss vcca ca chiaccj flccia chiudi la bocca cos eviti di dire fesserie.

flppina [flp<pojna] s.f., vento freddo: mina na flppina jleta soffia un vento freddo.

flun [f<lewn] s.m., 1)filare di vigneto; 2)filone di pane; nellespr.: fe flun marinare la scuola.

flg [<f&ld#] s.f., falce messoria liscia o dentata, con la prima si taglia, con la seconda si sega.

flg [<feld#] s.f.bot., Pteridium aquilinum felce aquilina.

fliaj [f<ljeaj] v.tr. e intr., 1)filare, fig. rigare dritto: flia ngiima a nu taglj cundill comportarsi in modo irreprensibile, in espressioni di minaccioso o risentito avvertimento; 2)avanzare a velocit sostenuta; 3)il vino che andando a male diventa fluido come lolio: l vin fila.

flira [f<ljera] s.f., allineamento, ordine, serie di cose, persone o animali messi in fila; vd. flarlla, frlzza.

flitt [f<litt] s.m., insetticida; vd. didditt.

flla [<f&lla] s.f., fetta: m tagliata na flla d pen smbra cjja jjj arrabbucche r vuv mi ha tagliato una fetta di pane esageratamente grande; accr. fllun; dim. fllccia.

flleta [fl<lta] s.f., 1)salume, formaggio o pane tagliato a fette; fras.: na flleta prsutt e cascavll prosciutto e caciocavallo tagliato a fette; s flleta na mian si tagliata una mano; 2)pecora giovane (dai 6-7 ai 10-12 mesi di et) che non ha ancora partorito; vd. pqura.

flcc [f<l$tt] s.m., filamento, filo di muco, filza di frutti vari legati luno allaltro con un filo; vd. crlla.

flina [f<lojna] s.f., fuliggine.

flsm [f<losm] agg., loquace, chi molto bravo nel parlare concludendo poco, di persona che pensa di sapere tutto; vd. saput.

fmmna [<femmna] s.f., 1)femmina, donna, moglie: prima d dart la rspsta mjja cusglia ch la fmmna prima di darti la risposta devo consigliarmi con mia moglie; prov.: fmmna e lina aujj binda addmen brina le donne cambiano facilmente di umore; quand la fmmna n vuu mangh ru djvr ciappuu quando la donna non vuole nemmeno il diavolo riesce a convincerla; 2)il pezzo di una struttura o di un congegno che siano destinati ad accogliere la parte o il pezzo corrispondente (maschio); accr. fmmnun, dim. fmmnccia.

fmmnzza [fmm<natta] s.f., donna alta, grossa e robusta.

fmmnill [fmm<njell] s.m., uomo che ha modi e comportamenti femminili.

fmmnina [fmm<nojna] agg., femminino, proprio del comportamento femminile; fras.: lla fmmnina in maniera pratica: cund alla fmmnina conti di uso facile.

fnaziun [fna<tsjewn] s.f., devastazione terrificante, catastrofe, disastro: fnaziun d munn finimondo.

fndun [fn<dewn] s.m., la chiusura dei pantaloni sotto la patta.

fnmind [fn<mjend] s.m.p., 1)finimento, rifinitura, ornamento, guarnizione; 2)i finimenti completi del cavallo; vd. uarnmind.

fnstrill [fn<strill] s.m., finestrino: cacce la cccia a ru fnstrill affacciarsi al finestrino, questa scena si vede sempre di meno a mano a mano che vengono rinnovate le finestre; vd. vccitt.

fnnill [fn<nill] s.m., fondello, piccolo pezzo di stoffa adoperato per chiusura o rinforzo in alcuni punti di un capo di vestiario: mmma marmttiva ru fnnill mmis all css d r calzun mia madre mi rinforzava i pantaloni al cavallo con un pezzo di stoffa.

fnucchj [f<nwkkj] s.m.bot., Foeniculum vulgare finocchio.

fnza [<f&ndza]s.f., rete metallica intrecciata con fili di ferro per recintare; vd. rzza.

fnzej [fn<dzj] v.tr., chiudere con una recinzione di ferro.

fqurlla [fkw<rella] s.f., manina con simbolismo apotropaico, amuleto contro il malocchio: fe la fqurlla far le fiche, serrare le mani a pugno e infilare il pollice fra lindice e il medio per scongiurare la sfortuna e il male augurato dagli altri; vd. manccia, scattej.

frcneta [frt<nta] s.f., forchettata: na frcneta maccarun una forchettata di maccheroni.

frcnlla [frt<n&lla] s.f., 1)asta terminante con una forcella; 2)sterno del pollo; trad.p.: si tira in due per pronosticare il sesso di un nascituro; 3)arnese di ferro a foggia di Y che serve per piantare i maglioli della vigna.

frciina [fr<tojna] s.f., forchetta.

frej [f<rj] v.imp., soffiare, spirare, infuriare del vento: fira ru vind tira vento.

fercat [fe<rekat] escl. di meraviglia, accidenti, perbacco; fras.: frcat gn sciim! accidenti come scemo!

frfliat [frf<ljeat] s.m., ferrofilato; fig.: jim annnd a frfliat andiamo avanti alla men peggio; uomo magrissimo.

friarul [fria<rwl] s.m., commerciante che frequenta le fiere.

frlcchun [frlk<kewn] s.m. e agg., fessacchiotto, semplicione, sciocco.

frlnza [fr<l&ndza] s.f.des., striscia, fascia.

frlscijja [frl˧ojja] s.f., voglia o idea che ha del fantastico o dellirragionevole, improvvisa e breve passione amorosa; jra passe ss frlscijja gli deve passare la cotta.

frlzza [fr<littsa] s.f.des., fila, cose disposte una di seguito allaltra: na frlzza manucchj una fila di covoni; vd. flira.

frmchll [frm<kell] s.f.p., 1)piccole formiche; 2)formicolo.

frmica [fr<mojka] s.f., formica; fig. ajj sbattut ru vut e m fe frmich frmich ho sbattuto il gomito e sento la scossa.

frrin [fr<rajna] s.f.p., spighe dei covoni che germogliano prima di essere trebbiate.

frratur [frra<tiwr] s.f.p., gli oggetti di ferro che occorrono per guarnire porte, portoni e finestre.

frrej [fr<rj] v.tr., ferrare cavalli, asini o muli: jjj a frre ru mul a ru frrer portare a ferrare il mulo al maniscalco.

frrer [fr<rr] s.m., fabbro ferraio, maniscalco; ru frrer ra arracciare la zppa il fabbro deve rimettere lacciaio alla zappa.

frreta [fr<rta] s.f., dolce natalizio, due dischi di farina ripieni di miele, mandorle e noci: na frreta dstia; vd. stia.

frret [fr<rt] agg., 1)ferrato, fig. ben preparato, assai competente; 2)trad.p.: malucchj frret malocchio tanto potente che per essere eliminato lincantatrice deve usare un oggetto di ferro generalmente una chiave o delle forbici; 3)med.p.: uglj frret olio rovente a cui si immergeva un ferro; costituiva un ottimo unguendo per la parotite r gaglun e una volta intiepidito veniva cosparso sulla parte malata; vd. malucchj, gaglun.

ferrfus [ferr<fiws] s.m., ferro fuso, ferro smaltato: la tjlla d ferrfus la pentola di ferro smaltato.

frrlla [fr<r&lla] s.f., stinco, tibia; fras.: t rmb l frrlla ti rompo gli stinchi; mrt frrlla scheletro.

frrttej [frrt<tj] v.tr., fermare, arrestare: rn frrttet lo hanno bloccato.

frrttin [frrt<tojn] s.m., ferretto per tenere fermi i capelli.

frrign [fr<ri] agg., persona tenace, resistente, forte.

frritt [fr<ritt] s.m., saliscendi di porte e portoni: mne ru frritt chiudere con il saliscendi; vd. catnill.

fscarill [f˧ka<rjell] s.m., fischietto.

fschttun [f˧kt<tiwn] s.m.p., pasta alimentare, canneroni larghi.

fssa [<fessa] s.m. e agg., 1)fesso; fras.: chi mra fe fssa a m angura ra nasc chi deve prendermi per fesso deve ancora nascere; parlem nu fssa lla vlda si usa dire quando parlano due o pi persone contemporaneamente; scherz.: j s jjj e t sc tuu chi cchi fssa d tutt e ddiuu ; 2)vulva; vd. ciccia.

fssiaj [fss<jeaj] v.tr., prendere in giro, deridere.

fsta [<f&ta] s.f., festa, ricorrenza; prov.: fst e maltimb n mangn miaj feste e maltempo (guai) non mancano mai; fsta e firia a Gildn festa e fiera a Gildone (CB); per le descrizioni delle feste (culti, riti e tradizioni) si veda il libro di D. Meo, le Feste di Agnone.

ftej [f<tj] v.intr., fare luovo; fig. andare di corpo, scoreggiare.

ftcchia [f<tekkja] s.f., errore, inesattezza, sbaglio; fig.: jn fatt tr ftcchj gli hanno segnato tre gol.

ftnd [f<t&nd] s.m. e agg., mascalzone; in senso bonario: impertinente, frugolo, vivace, furbacchione.

ful [f<wol] s.m. e agg., che presto si dilegua e sparisce, fuggevole, inafferrabile, selvaggio; fig.: ru uagliun e nanz ful il ragazzo e fuggevole e brusco; vd. salvtch.

fur [<fewr] avv. e cong., 1) fuori; fras.: chi s spusa fur vaiv a ru vchel, chi s spusa a ru pajis sjja vaiv a ru bcchir chi si sposa fuori non vede cosa prende, chi si sposa nel suo paese sa gi tutto; fig.: fur sfratt irregolare, illegittimo, di nascosto; 2)fuorch, allinfuori di, tranne.

fianghtta [fia<getta] s.f., fianco: j vatt la fianghtta ha fame.

ficch [<fikk] s.m., tiro mancino, fregatura, azione scorretta: jn fatt ru ficch lo hanno tratto in inganno; dim. fcchtt.

firia [<fjerja] s.f., fiera; ad Agnone nellarco dellanno si svolgono nove fiere: la Nunziata lAnnunziata (25 marzo), la Ngurneta lIncoronata (ultima domenica di Aprile), Sand Stnzian San Cristanziano (13 maggio), San Giuunn San Giovanni (24 giugno), La Madonna ru Carmn Madonna del Carmine (16 luglio), Sand Mddi SantEmidio (5 Agosto), la Madonna la Lbbra Madonna della Libera (8 settembre), Tutt r Snd Ognissanti (1 novembre), la Cungzziun lImmacolata Concezione (8 dicembre).

firr [<fjerr] s.m., 1)ferro; prov.: l firr s vatt call per ogni cosa bisogna approfittare del momento favorevole; fig.: mtt mian all firr vllit mettere mano a tutto, non temere niente; 2)gli arnesi e gli strumenti di unarte o mestiere: r firr; 3)ferro da stiro, il tipo pi antico formato da una piastra triangolare veniva scaldato sui carboni accesi, di seguito si adoper un ferro che conteneva i carboni ardenti, fino a quello moderno elettrico e a vapore; 4)ferri per ostie e pizzelle, rotondo quello delle ostie, rettangolare quello delle pizzelle; i ferri sono opera dei bravissimi artigiani agnonesi e allinterno recano decori e incisioni, nonch le iniziali di nome e cognome del proprietario e lanno di costruzione, simboli che si possono ammirare sul dolce quando pronto; vd. stia, pzzlla, stiglj.

fisch [<fj&sk] s.m., fiasco; vd. bbuttgliun, mbagliatill.

fffa [<fiffa] s.f., fifa, paura.

figlj [<fi] s.m., figlio; prov.: na mmma cmba cind figlj e cind figlj n ngambn na mmma la mamma si prodiga per i figli, i figli non tanto per la mamma; a chi nd figlj ng jjj nn p prist nn p cusglj a chi non ha figli non andarci n per aiuto n per consigli; figlj cninn uia cninn, figlj gruss uia gruss a mano a mano che i figli crescono aumentano i problemi.

fnda [<finda] s.f., finta, simulazione nellatteggiamento e nel comportamento: fe fnda ca nn nind far finta di niente; fig. sich find sugo al pomodoro; vd. mbgna.

fqura [<fikwra] s.f., fico, fichi; variet locali di fichi: utteva, pagliaruna, salg, fcaccian, gghingh, nir; prov.: qund chiuu a Sand Juri lla fiqura j liva ru curi quando piove il giorno di San Giorgio (23 aprile) il fico subisce un danno; arpnn la vcca p l fiqura non parlare a sproposito, stai zitto; fig. cosa ridotta male, schiacciata, pallone bucato s fatt gn na fiqura.

fischj [<fikj] s.m., fischio; prov.: avglia a fschia allasn s n vvr inutile insistere con chi non vuole; fig.: j ftta fschia l rcchj lo ha picchiato.

fum [<fiwm] s.m., fumo: c fe nu fum ch ta ammne a trppa ndrra ambiente in cui ci fa troppo fumo; prov.: fum pducchj e psma e panattira snza pen sono i simboli della miseria, della povert; ru fum ru patrun d la chesa il fumo il padrone di casa; mne ru fum allucchj far credere una cosa che non corrisponde al vero; fig.: j ftta fe ru fum lo ha fatto scappare; j ut fium a nes ha capito tutto.

fus [<fiws] s.m., fuso; fig.: chlla ggiuvntta tjj l css dritt gn nu fus quella giovincella ha le gambe dritte come un fuso.

fglia [<foa] s.f.bot., Brassica oleracea sabauda cavolo comune e verza: fglia paten e pzza randgn verze patate e pizza di granone, vivanda consumata dal popolo soprattutto prima, durante e dopo le guerre mondiali; fig.: nd nn figlj e nn fglia non ha figli.

fgn [<fo] s.m., fungo; alcune variet della zona: cardarlla cardarello leurotus eryngii; cardarll d chiupp galeone o orecchietta Pleurotus ostreatus; cardnel cronaca di bosco Lepista nebularis; cascavll prataiolo maggiore Agaricus arvensis; fungh dabbite fungo di abete Lactarius salmonicolor; fungh d chiupp pioppino Agrocybe aegerita; gallcce galletto o galluccio Cantharellus cibarius; lnghe de vuue steccherino dorato Hydnum repandum; lffa o pitt d lup vescia maggiore Langermannia gigantea; mancc manuccia gialla Ramaria aurea; mzzatambrr mazza di tamburo crolepiota procera; munacill i monacelli Tricholoma terreum; spnarul prugnolo o spinarolo Calocybe gambosa; r vavus agarico violetto Lepista nuda e bavoso Suillus bovinus.

fid [<f$jd] s.f., fede, anello nuziale.

fil [<f$jl] s.m., fiele; fras.: lvet vun ru fil a ru purch asportate bene il fiele al maiale; amer gn ru fil amaro come il fiele.

fil [<fojl] s.m., filo: mne ru fil il tracciare linee dritte da parte degli imbianchini con un filo immerso nella polvere colorata; fig.: ru fil la lnga il frenulo linguale; fig.: s l scambeta fil fil se l scampata per poco.

fin [<fojn] s.m. e agg., 1)sottile, fino; 2)fine, eseguito con gusto; 3)svelto, scaltro, astuto: fin fin.

fnd [<fond] s.f., fonte, fontana: la fnd Sand March (fontana di San Marco, era ubicata in Largo Tirone); la fnd Sand Pitr (davanti la chiesa omonima); la fnd d la Ripa (ubicata alla "porta" di SantAmico, imbocco Via F. A. Marinelli); la fnd d la Ripa (era collocata nella piazzetta ex largo Marsala); la fnd d la Ripa (al belvedere della Ripa); la fnd d Snda Chiara (di fronte lantica chiesa); la fnd mmis lla chizza (in piazza Plebiscito); la fnd d SandAndgn (funzionava in Via Cavour, incrocio vico Polito); la fnd d spr chis (in largo Campanella); la fnd d SandAndunll (a fianco della chiesetta di SantAntonio di Padova); la fnd d ru mrchet (in Largo Sabelli, mercato della frutta); la fnd d ru psciarill (in via XI febbraio, crocevia di vico Orlando); la fnd majlla (in fondo a piazza del Popolo, ai piedi di Via San Giuseppe artigiano); la fnd d majlla (funzionante da poco nel piccolo parco giochi di piazza del Popolo); la fnd d r cappucciin (era situata alle spalle del monumento ai caduti); la fnd d la vlltta (la fontana della villetta comunale, in piazza IV novembre); la fnd d ru cambsnd (nello spazio antistante il cimitero); la fnd d Sand Lurinz (antica fontana di San Lorenzo, nella parte orientale del paese, oggi zona archeologica); la costa la fnd via XI febbraio, perch dove collocato il monumento a Libero Serafini fino a circa un secolo fa, vi era la fontana Rosa; per le fontane fuori dellabitato, vd. tavola toponomastica.

fonduria [fond<waria] s.f., fondiaria, tassa che si pagava sui terreni e i fabbricati.

frca [<forka] s.f., forca: frca d lina a dd o tr crna forca di legno a due o tre rebbi; forca d firr p ru stabbl forca di ferro per il letame.

frf [<f$rf] s.m., moccio, muco nasale: pulsct ss frf pulisciti il muco che ti pende dal naso.

forf [for<fe] s.m., accordo di compenso o retribuzione fondato su una valutazione complessiva: faciim nu forf una tantum; loc. a frf alla rinfusa, a casaccio.

frma [<forma] s.f., 1)forma: fall ngh mud e frma fallo bene; 2) forma del calzolaio adoperata per allargare le scarpe; fig.: sc rtruveta la frma la scrpa hai trovato chi ti mette a posto; 3)incile, il canale per alimentare il mulino: la frma d ru mulin; 4)forma della fonderia.

frra [<forra] s.f.des., fodera.

frt [<f$rt] agg., forte: manditt frt augurio di buona salute.

frza [<f$rtsa] s.f., forza; prov.: chi frza n ndjj dpra s nggna chi forza non ha si adopera con lingegno; poes.: smbreva ca j dist nu tsur, gn j r dist a frza e mal d chur sembrava un tesoro dato a malincuore (in Nero, Poesie . . ., p. 35).

fsc [<f$] s.m., fascio di oggetti della stessa natura; fig.: c facc nu fsc ci faccio un fascio, li distruggo ; accr. fasciacchiun, dim. fsctill.

ftt [<fott] v.tr., imbrogliare, beffare, fottere; prov.: ftt e mula fa quello che vuole e si lamenta; impr.: v ff ftt vai a farti fottere (vai a quel paese); fig.: s n ut a ff ftt andato in rovina; volg. possedere carnalmente; vd. ciapptta.

fr [<fra] s.m., lespr. ru fr (fratello, amico) rivolta agli uomini, molto ricorrente fra gli agnonesi sostituisce in maniera confidenziale il nome della persona a cui sci si rivolge: ru fr sc magniat? sciin, m s niv magniat mniv a magnia ch m hai mangiato? si, perch se non avevi mangiato venivi a mangiare con me, la frase corrente che usano gli abitanti dei paesi limitrofi, per mettere in risalto la mancanza di cortesia nei confronti dellospite, da parte degli agnonesi abitanti in paese.

frbbca [<frabbka] s.f., fabbricato in costruzione.

frabbcatur [frabbka<tawr] s.m., muratore.

frabbchej [frabb<kj] v.tr., fabbricare, costruire, innalzare.

fracss [fra<kass] s.m., 1)chiasso indiavolato, baccano; 2)tavoletta rettangolare di legno o di ferro con manico che serve a spianare e lisciare malta, intonaci e stucchi.

fracchej [frak<kj] v.tr., pestare, rompere, schiacciare: ajj fraccheta na msca ho schiacciato una mosca.

fract [<fratt] s.m. e agg., fradicio, andato a male, guasto: lina fract legna fradicia; mila fract mele marce; gn nu fractun uomo debole, molle.

fraiaj [fra<jeaj] v.intr., abortire, sia di animali (spec. pecore e mucche) che di donne.

framis [fra<mjes] loc. in mezzo: nd cva mtt framis non dovevi capitarci in mezzo.

frand [<frand] agg., irritato, arrossato, lacerato superficialmente; fras.: la ctra t frand mmis all cusstll la piccina ha un irritazione in mezzo alle gambine, j s frand nghir gli si irritato lorifizio anale.

frangstt [frand#<s$tt] s.m., filoncino di pane.

frangh [<frag] agg. e prep., 1)franco, esente, libero: m ra det frangh me lha dato senza pagare; 2)frangh d nuvt tranne, a meno che, ci siano delle novit.

frsca [<fraska] s.f., 1)ramoscello munito delle proprie foglie; 2)vendita di vino effettuata da contadini o rivenditori autorizzata per un certo periodo; il legame con Bacco e Dionisio ha suggerito una tradizione praticata fino a qualche tempo fa nelle case dei nostri paesi, dove si appendeva sopra la porta una frasca per segnalare la mescita del vino; prov.: l vin vun s vnn snza frsca quando la roba buona la pubblicit superflua.

frascarill [frasca<rjell] s.m.p., polenta con farina di mais; fig. neve frammista ad acqua: p ru crs sn fatt r frascarill; vd. pulnda.

fraschttlla [fraskt<tella] s.f., giovinetta.

frastir [fra<tjer] s.m. e agg., forestiero, daltro paese: ragnunis amnd d r frastir lagnonese amante dei forestieri; prov.: chi ve trpp lla chesa dllldr arvnda frastir lla chesa sjja chi frequenta troppo la casa degli altri diventa forestiero in casa sua.

frtta [<fratta] s.f., fratta, siepe, roveto; prov.: vu mbare la frtta a ru lup vuoi insegnare una cosa a chi gi la sa.

frattarul [fratta<rwl] s.m., usignolo.

frcalgn [frka<li] agg., di persona che si atteggi o si comporti con una malizia compiaciuta e a volte ostentata, astuto, scaltro: tnajj lucchj frcalgn avere gli occhi da furbacchione.

frcccarill [frttka<rjell] agg., movimentato, vispo, animato; fras.: ru marit frcccarill il marito svelto, attivo; nu uagliun frcccarill un bimbo che non sta mai fermo.

frccchrs [frtt<k&rz] v.rifl., muoversi, mettersi in moto, agire: nz frccca p cubbll non si muove per nessun motivo; vd. sfrccchiaj.

frchej [fr<kj] v.tr., fig. fregare, imbrogliare, rubare: frchet nghiur furbo, intraprendente; vatt lu frca s n scapptt subito se ne scapp; vd. abbagliucchej, abbacchej, bbuzzarej, frschiaj.

frddliata [frddl<jeata] s.f., raffreddattura.

frddlus [frdd<liws] agg., di persona che soffre molto il freddo; vd. fridd.

frddzz [frd<detts] s.f.p., freddo pungente; vd. fridd.

frgna [<frea] s.f., vulva; vd. ciccia.

frgn [<fre] s.m.p., rabbia, irritazioni: m gran l frgn sono indignato.

frgnun [frˣ<ewn] s.f., bella ragazza, donna piacevole.

frsclla [fr˧<&lla] s.f., cestino di vimini o di giunchi per riporvi il formaggio o la ricotta appena preparati; oggi stata sostituita da forme di plastica bucherellate.

frschiaj [frsk<jeaj] v.intr., godersi il fresco spec. nelle sere destate; fig.: j frschjnn stare senza far niente.

frschiaj [fr<kjeaj] v.tr.; rubare, fregare; vd. frchej.

frslla [fr<sella]s.f., biscotto con mandorle uova e farina. Miscischia verificare

frttiata [frt<tjeata] s.f., frittata.

frttuj [frt<twj] v.tr. e intr., fruttare; fras.: auunn luua frtta questanno luva ha una buona resa; vd. arrnn, frutt.

fruj [fr<wj] v.tr. e intr., consumare, finire a poco a poco, sprecare; fras.: frut nu pur d scarp nuu ha consumato un paio di scarpe nuove; j s frut ru calzun mmis all css gli si consumato il pantalone al cavallo; s frut gn na cannila si consumato come una candela; fig.: c s fruta la lnga gielo ha ripetuto tante volte senza essere ascoltato.

fruscia [<freua] s.f., narice: t rmb l frusc ti rompo il muso.

fridd [<fridd] s.m. e agg., freddo; fras.: tingh r pid fridd gn la niv ho i piedi gelati; n ngsca la niv p l fridd non nevica per il troppo freddo; vd. frddzz, frddlus.

frijj [<frijj] v.tr. e intr., friggere: frijj la bbaccalena friggrere il baccal; impr.: v ff frigg vai al diavolo; vd. sfrjj.

frisct [fri<kat] escl. arrangiati, brusco invito a cavarsi dimpaccio da solo.

frisch [<frisk] s.m. e agg., 1)fresco, piacevolmente freddo: massira ch l frisch questa sera con il fresco; 2)che presenta o mantiene inalterate le qualit naturali: uua frsch uova fresche, chesc frische formaggio fresco; 3)fig. esser nei guai: stia frisch a cummtt nguir cucclun non facile avere a che fare con quel testardo.

fruta [<friwta] s.f., bozzo, bernoccolo, contusione: m dul la fruta mi duole il bozzo; vd. vuzz.

frcchj [<fr$kkj] avv., segretamente, nascostamente: frcchj frcchj; vd. mupgna.

frica [<fr$jka] loc. na frica grande quantit, molte cose o persone; accr. na frcccia; vd. prassiaj.

friv [<fr$jv] s.f., febbre; fras.: sfuch d friv erpete localizzato sulle labbra; friv magnarlla febbre che non c.

frnna [<fronda] s.f., foglia; canz.: e n ngand tu frnna d lacc mamta t crscut e j tabbrcc e non cantare tu foglia di sedano, mamma ti ha cresciuto e io ti abbraccio; vd. frscia.

frut [<frwt] s.m., fratello; fratt, fratm tuo fratello, mio fratello.

fruotcuciin [frwtku<tojn] s.m., cugino.

frsca [<fruska] s.f., animale carnivoro, insetto nocivo, dannoso: lurt ste chiin d frusch lorto pieno di insetti nocivi; la frsca d l paten la dorifora; fig. donna furba e malvagia chlla frsca d la mglj quella bestia della moglie.

fruscel [fru<l] s.m., strumento costituito da due rebbi di ferro ricurvi e snodati, che si applica al naso dei bovini per tenerli a freno e guidarli mediante cavezze: mtt ru fruscel a r vuv mettere la nasiera ai buoi.

frscia [<frua] s.f., foglia: frscia randgn foglia di granone; frscia d liva foglia di olivo; frscia nzaleta foglia dinsalata; vd.frnna.

frusciil [fru<ojl] s.m., stomaco delle galline o dei polli: ng l vuglj l frusclra alla zppa non ce li voglio gli stomaci nella zuppa alla sant; vd. zppa.

fruscut [fru<wt] agg., che ha molte foglie.

frustell [frutel<la] voce per allontanare il gatto; anche frust.

frutt [<frutt] s.m., quanto si ricava da unattivit, profitto, utile; ru frutt la pasta filata che i casari adoperano per preparare caciocavalli, scamorze, mozzarelle, ecc.; vd. frttuj.

fuclej [fut<lj] v.tr., fucilare; fig. sprecare, consumare senza utilit: fuclet na frica mglun ha sperperato un sacco di soldi.

fuchej [fu<kj] v.tr.e intr., bruciare con un ferro arroventato, cauterizzare, essere accaldato.

fuchiaj [fuk<jeaj] v.tr. e intr., dar fuoco, alimentare il fuoco provocando molta fiamma; impr.: pzza fuchia allldr munn possa ardere allinferno; vd. appcciaj.

fuchtta [fu<ketta] s.f., nellespr.: mtt la fuchtta strozzare, comprimendo con forza, con le mani, la gola; anche fuca.

fuchsta [fu<kita] s.m., fabbricante, venditore o esecutore dei fuochi dartificio; fig. chi alimenta litigi o discussioni accese, attaccalite; vd. appccij.

fuff [<fuff] agg., guasto, vuoto, bacato; fig. debole, fiacco; vd. puff.

fuffiaj [fuff<jeaj] v.intr., cacciar fumo, tipico della legna poco stagionata.

fuff [fuf<fu] escl. usata quando si sente un cattivo odore, un tanfo: fuff gn pzza!

fuglier [fu<r] s.m., produttore e venditore di verdure, ortolano.

fundanlla [funda<n&lla] s.f., fontanella, nome generico delle formazioni membranose che collegano le ossa del cranio in via di sviluppo; vd. mmuria.

funer [fu<nr] s.m., funaio; prov.: vi rrt arrit gn ru funer vai sempre indietro come il funaio che per preparare le funi cammina a ritroso.

funch [<funk] s.m., fondaco, deposito: abbll a ru funch gi al fondaco; dim. funchtt; vd. rnzacch, rtr.

funn [<funn] s.m., fondo, parte inferiore di un recipiente: ucchial a funn buttglia occhiali con lenti molto spesse simili al fondo di una bottiglia.

funnet [fun<nt] agg., profondo: cave funnet scavare profondo.

fuch [<fwk] s.m., fuoco: chuc ru fuch ra fe maltimb secondo unantica credenza, il fuoco che scotta pi del normale preannuncia il mal tempo; se la fiamma del fuoco emette una specie di sibilo, vuol dire che le malelingue sparlano del prossimo con malevolenza; med.p.: ru fuch d SndAndgn il fuoco di SantAntonio, lherpes zoster, si curava con il grasso di maiale; trad.p.: ru fuch d Sand Mccil il fuoco di San Michele; lotto maggio ad Agnone laccensione dei fuochi rievoca antichi rituali pagani, i ragazzi nei giorni che precedono la festa, raccolgono legna, fascine, ginestre e sterpi che vengono affastellati nelle piazze e negli slarghi del paese. La sera, calate le tenebre, i grandi fal, fra il crepito delle fiamme e la partecipazione popolare, ripropongono un cerimoniale antico quanto la storia delluomo(in Meo, Le Feste . . ., pp. 67-69). A Villacanale i fuochi vengono accesi il sette maggio a sera; poes.: Ngambgna salluscin tnda lmra: j t mnd, s aggrccj d la trra tjja in campagna si vedono tanti fuochi: li guardi, sono brividi della tua terra (in Meo, Strlamb . . ., p. 42); vd. ndccia, Sand Mccil.

furcva [<fwrtva] s.f., forbici; fras.: la furcva la vgna le cesoie; la furcva p caruse l pqura le forbici per tosare le pecore; ru furbciun, ru furbcitt, la furbctta adoperati dai sarti per tagliare e rifinire; fig.: a Agnun ci stian cirt furcv! Ad Agnone ci sono malelingue molto taglienti; vd. sfurbciaj.

fuss [<fwss] s.m., 1)vallata:la massarjja dndr a nu fuss la masseria in quella vallata; 2)fosso: ru fuss la chlg il fosso della calce viva; 3)luogo di sepoltura; impr.: tjja cave ru fuss ti debbo preparare la fossa; dim. fusstill.

furcatura [furka<tiwra] s.f., biforcazione, punto di divisione di una strada; vd. sfurchej.

furcun [fur<kawn] s.m., attrezzo costituito da un lungo manico di legno con la punta a v.

furchel [fur<kl] s.m., forcone fienaio adoperato per innalzare una meta di fieno.

furcheta [fur<kta] s.f., forcata, colpo inferto con una forca, quanto pu contenere la forca.

furchttun [furkt<tewn] s.m., forchettone da cucina; fig. chi approfitta della carica pubblica o politica che riveste per trarne illeciti vantaggi personali.

furst [fu<r&t] agg., foresto, zotico, rustico, insocievole; vd. salvtch.

furmlla [fur<m&lla] s.f.des., bottone; vd. bbttun.

furmill [fur<mjell] s.m., canaletto sotterraneo per la raccolta e leliminazione delle acque.

furnaclla [furna<t&lla] s.f., fornellino munito di una porticina e di una griglia nella parte superiore, alimentato con la brace e collocato al lato del fuoco; fras.: armtt la vrescia lla furnaclla rimettere la brace al fornellino; gn bbun ru such fatt lla furnaclla com saporito il sugo cucinato sul forellino; fig.: occhi: tammcch l furnacll ti rompo gli occhi.

furn [<furn] s.m., forno; fig.: tnajj la vcca lrga gn nu furn avere la bocca grande, essere sguaiato, volgare.

furtuna [fur<tiwna] s.f., fortuna: c puzz av furtuna che la fortuna sia dalla tua parte; prov.: furtuna e cazz nghur a chi n r vuu la fortuna bacia a caso.

furznd [fur<tsand] agg., forzuto, muscoloso.

fusstta [fus<setta] s.f., quel piccolo buchetto che si vede al mento e alle guance di alcune persone, specialmente quando ridono.

fust [<fut] s.m., bidone, recipiente di metallo per liquidi; vd. vutn.

 

                   INDEX                     LETTERA  G             E