B

B

bbabbuu [bbab<baw] s.m., mostro immaginario frutto della fantasia popolare che si nomina per intimorire i bambini e farli desistere dal pianto.

bbabbllnia [bbabbl<l$nja] s.f., disordine, confusione, frastuono, baraonda: nn vaglj truunn la bbabbllnia non amo la confusione.

bbabbscia [bbab<bua] s.f.p., pianella, babbuccia.

bbaccagliaj [bbakka<eaj] v.intr., baccagliare, altercare.

bbaccalena [bakka<lna] s.f., baccal; fig. persona magra e sparuta, anche stupida, malaccorta: s ftta gn na pcca bbaccalena diventata magrissima; volg. vagina.

bbacchtta [bbak<ketta] s.f., bacchetta; fig. segno di autorit e di comando: mgljta t tjj stt bbacchtta tua moglie ti comanda a bacchetta.

bbacchttun [bbakkt<tewn] s.m. e agg., grossa bacchetta; fig. uomo alto e grosso.

bbaccca [bba<kukka] agg., piccola, vecchia, in pessimo stato: tjj na bbcucca d chesa ha una casa malridotta; fig.: vcchia bbaccca anziana rimbecillita dallet.

bbaffun [bbaf<fewn] s.m., baffone, spesso usato come nomignolo: ra mn bbaffn deve arrivare il peggio, il rigore, la dittatura.

bbagattlla [bbagat<t&lla] s.f., oggetto di poco valore, di nessun pregio: arzila ss quttr bbagattll metti a posto quelle cianfrusaglie.

bbagliiv [bba<iojv] s.m., baglivo; nellanno 1443 il Re Alfonso di Aragona concesse all Universit di Agnone il diritto della bagliva. Lufficio del Baglivo si occupava delle cause civili, riscuoteva le contravvenzioni, sorvegliava lorganizzazione della pubblica alimentazione, ecc.; vi era un capitano che teneva il comando degli armigeri, soprintendeva alle carceri locali, esercitava la polizia giudiziaria, ed era giudice in materia civile e penale. Il Baglivo aveva per simbolo la bilancia e abitava in corso Garibaldi (la Ripa) nella casa che oggi figura con il numero civico 160.

bbagnarula [bbaa<rewla] s.f., recipiente in plastica; vd. scumggia, ummggia, vazzjja.

bbagnmarin [bbama<rjn] s.m., bagnomaria: l pmmadur vullut a bbagnmarin le bottiglie di salsa di pomodoro bollite a bagnomaria.

bballatur [bballa<tiwr] s.m., ballatoio, ripiano della scalinata.

bball [b<ball] avv., gi, in basso: bball p Majlla nel rione Maiella in piazza del Popolo.

bbalzen [bbal<dzn] s.m. e agg., cavallo con una o pi balze bianche sui piedi; fig. persona bizzarra, stramba nei suoi atteggiamenti.

bbambascun [bbamba<ewn] s.m.bot., Holcus lanatus bambagione.

bbambnill [bbamb<njell] s.m., bambinello, Ges Bambino.

bbambin [bbam<bojn] s.m., bombino, qualit di uva con grappolo grande e compatto; prov.: pen d funzina, vin d bbambin e lard d purch mascr pane (funzoina potrebbe essere il soprannome della famiglia che ha portato sul posto quella qualit di grano), vino di bombino e lardo di maiale, erano sinonimo di abbondanza e qualit; vd. uua.

bbnda [b<banda] s.f., 1)banda: na bbnda sfasceta un gruppo di persone poco organizzato; 2)compagnia di suonatori; fras.: a Agnun l bband sn sfascet ca tutt vulvan fe r majstr ad Agnone le bande musicali non hanno avuto lunga durata perch tutti ambivano al ruolo di maestro; prov.: chss dctt la bbnda d Schiav questo quello che sappiamo eseguire, dissero i suonatori della banda musicale di Schiavi dAbruzzo, ripetendo sempre lo stesso pezzo; si suole dire quando una situazione si ripete o non si pu cambiare.

bbandsta [bban<dita] s.m., 1)musicante, sonatore di banda; 2)variet di pasta simile a grossi tubetti: bbandst ch ru such d l ndra d trppa "bandisti" con il sugo di nodini di trippe di agnello.

bbanum [bba<newm] s.m., uomo adulto e degno di rispetto: tia la vrva sc banum! hai la barba sei un uomo!

bbnga [b<banga] s.f., banca; scherz.: r sld r vaglj a tglj lla bbnga lascivra i soldi li vado a prelevare alla banca (dove scivolano le banconote) che non c, lo dice chi non ha disponibilit economica.

bbangarlla [bbanga<r&lla] s.f., banco allaperto su cui i venditori espongono le loro merci.

bbangh [b<bag] s.m., banco, robusto tavolo di lavoro: ve alla schula arrscalle ru bbangh va a scuola a riscaldare il banco.

bbanghtta [bba<getta] s.f., banco da lavoro del calzolaio; poes.: na sglia, na tnglia e na bbanghtta una lesina, le tenaglie e il banco di lavoro (in Nero, Poesie . . ., p.11).

bbann [b<bann] s.m., bando: purte ru bbann annunciare informazioni di interesse pubblico, fino a circa venti anni fa, il bando era diffuso ad alta voce dal banditore, gli ultimi due banditori comunali sono stati: Cocucci Quirino e Pace Antonio; fig. diffondere notizie, raccontare a tutti: nz se tnjj nu ciic ngurp, subbt mnna ru bbann non sa tenersi un segreto, racconta tutto agli altri.

bbarbabbitla [bbarbab<bjetla] s.f.bot., barbabietola da foraggio: ccr l barbabbitl p ru purch cuocere le barbabietole al maiale.

bbarbss [bbar<bass] s.m.bot., Verbascum thapsus tasso barbasco, verbasco.

bbarbatlla [bbarba<t&lla] s.f. bot., talea della vite.

bbarbttun [bbarbt<tiwn] s.m.pl., soldi, denaro: cacce r bbarbttun tirar fuori i soldi; vd. bbttun, mullttun, picc, paparul paptt, trnisc.

bbaschtta [bba<sketta] s.f., spuntino.

bbascglia [bba<skua] s.f., bascula.

bbaslca [bba<silka] s.f., basilico.

bbass [b<bass] s.m., gonnella.

bbastun [bba<tewn] s.m., bastone; fig.: ss vin fatt ch ru bastun quel vino artificiale.

bbattlena [bbatt<lna] s.m., cardatore, lavoratore della lana.

bbattcchj [bbat<t$kkj] s.m., battaglio, picchiotto.

bbaglj [bba<u] s.m., baule.

bbccarin [bbkka<rojn] s.m., bicchierino di liquore.

bbcchir [bbk<kjer] s.m., bicchiere; fras.: j picj ru bcchir gli piace bere; quir s fe ru bcchir mglj ca c pirl la matina visto che beve meglio parlarci di mattina; tjj nu bbll bcchir d vin ha un buon vino; dim. bbccarcc.

bbchtta [bb<ketta] s.f., biga.

bbndzzun [bbndt<tsawn] s.f., benedizione.

bbndcr [bbn<ditr] v.tr., benedire: Dd t bndica Dio ti benedica, espressione di augurio detta il pi delle volte per scongiurare il malocchio; prov.: bndica bndchem cchi pcca n saim e mglj stem meno ne siamo e meglio stiamo.

bbsniss [bbs<niss] s.m., sedere; fig. fortuna.

bbsist [bb<sjet] agg., anno bisestile.

bbsund [bb<sund] agg., unto, sporco di grasso: und e bbsund lercio duntume.

bbttun [bbt<tawn] s.m., bottone; fras.: tnjj ru bbttun alla rcchia bottone applicato allorecchio degli animali, fig. si dice a presunti o veri conquistatori di donne; juche a bbttun gioco non pi praticato che premiava chi avvicinava di pi il bottone al muro, resta nei ricordi che molti ragazzi tornavano a casa senza bottoni ai pantaloni; fig.: fe r bbttun ngurp sopportare facendo in corpo; c vun r bttun! ci vogliono i soldi! volg.: acchippat a st flira bttun espressione volgare a cui accompagnato il gesto che indica i bottoni o la cerniera dei pantaloni; vd. bbarbttun, furmlla.

bbianghtt [bbja<gett] s.m., 1)polvere bianca a base di calce, che sciolta nellacqua serviva per imbiancare le pareti; 2)scolorina per cancellare la scrittura a inchiostro.

bbibber [bbibbe<ro] s.m., poppatoio, ciuccio; anche bbibb.

bbiema [b<bima] s.f., avena, biada.

bbill [b<bjell] s.m. e agg. f. bblla, 1)bello, bella; fras.: fe ru bbill fare il galante, pavoneggiarsi; prov.: chi bblla v par grn dolr ra pat chi vuole apparire bella deve anche soffrire; chi tjj la mglj bblla cnda chi tjj r sld cnda chi ha la moglie bella contento, chi ha tanti soldi pure; 2)la partita decisiva, quando la prima sia stata annullata dalla rivincita.

bbffa [b<biffa] s.f., carne bovina lessata la carn bbffa.

bbittr s.m., piccola pialla per ottenere una sagoma bombata.

bblustta [bblu<setta] s.f., camicetta, blusa.

bbff [b<b$ff] s.m., 1)baffo: s fe pzzu r bff si fa rispettare; 2)frego causato per disattenzione con qualcosa che tinga o macchi.

bbil [b<bojl] s.f., bile; fig. collera, ira, stizza.

bbin [b<b$jn] s.m., bene; fras.: puzzav l bbin! ti auguro tanto bene! bbn mjja indica soddisfazione, piacere, godimento; prov.: fe bbin e scrdatn fe mel e pnzac se fai del bene dimenticalo, se fai del male pensaci; chi fe bbin mur acciis chi fa del bene ricever il male; bbin a ru chur e vlin a r dind bene al cuore e veleno ai denti (una maniera per educare i figli); v bbin a dd crstian a chi j de caccusa e a chi n j crca nind vuole bene a chi gli d qualcosa e a chi non gli cerca niente.

bbmma [b<bomma] s.f., bomba, botto; fig. bernoccolo, bozzo: sa ftta na bbmma mbrnda si procurato un bozzo in fronte; vd. vuzz.

bbommnut [bbomm<niwt] s.m. e agg., benvenuto: sia la bbommnuta alla chesa majja formula di saluto con cui si accoglie un ospite ben accetto; allespressione di augurio da parte di chi entra: Sand Martin il padrone di casa risponde bbmmnut; vd. ajjgn, Sand Martin.

bbommispr [bbom<mjespr] s.m.e agg., buon vespro, saluto che un tempo si rivolgeva intorno allora del tramonto; fig. chi non pensa a nulla, buontempone: curp bommispr.

bbompis [bbom<pojs] s.m., buon peso: s tr cin a bbompis sono tre chili a buon peso.

bbonlma [bbo<nalma] s.f. e agg., buonanima: la bonlma tatun la buonanima di nonno.

bbonantt [bbona<n$tt] inter. e s.f., buonanotte; prov.: tt e tt e bbonantt in modo rapido e facile, alla svelta; bbonantt a r sunatur! buonanotte ai suonatori!

bbondimb [bbon<djemb] s.m. e agg., tempo buono; fig.: curp bondimb chi spensierato, menefreghista.

bbonttalma [bbo<nettalma] s.f., dispr. per ricordare una persona odiata in vita.

bbss [b<b$ss] s.m. f. bssa, capo autorevole, padrone, capo famiglia: addumnna a ru bbss, lla bbssa chiedi a pap, a mamma.

bbtta [b<b$tta] s.f., 1)colpo, percossa; fig.: a fe la btta e la rngnda devi dare un colpo al cerchio e uno alla botte; 2)colpo che si riceve urtando; 3)scoppio, rimbombo; 4)grave danno, batosta: avuta na bbrtta bbtta ha subito un duro colpo; 5)allusione mordace e pungente: jajj mneta la bbtta lho punzecchiata; 6)attacco inatteso: tutt d bbtta allimprovviso; na bbtta d vind un colpo di vento; trad.p.: bbtta e rngnda tipo di canto popolare con domanda e risposta fra i cantori; vd. bbutt, rngnda.

bbrachessna [bbrakes<sina] s.f., mutanda da donna.

bbrud [b<brewd] s.m., brodo; fras.: fig. ru bbrud grass leccesso, il troppo; n j de trppa bbrud non dargli troppa importanza; fig. sterco di gallina diluito con acqua e adoperato come concime per le piantine di pomodoro; trad.p.: la fsta d ru bbrud cos era denominata anticamente la festa in onore della Madonna Addolorata (in Meo, Le feste . . ., p. 159).

bbrlla [b<brulla] s.f., baia, burla, irrisione: nn jarde la brlla non rendergli la baia.

bbrsca [b<brusca] s.f., attrezzo a lamine parallele dentate, infisse in una tavoletta metallica o di legno, usato per asportare il sudicio dal mantello degli equini e dei bovini; vd. strglia.

bbrutt [b<brutt] s.m e agg., brutto; fras.: brutt gn la paura brutto come la paura; m snd brutt mi sento male; ste brutt star male; tnjj la vcca brtta avere la bocca amara, fig. essere sboccato.

bbruttftt [bbrutt<fatt] agg., malfatto, sgraziato, cattivo.

bbubbiaj [bubb<jeaj] v.tr. e intr., brontolare, borbottare, rimbrottare, rimproverare; fig. di vivande che bollono nellacqua; vd. vrvttej.

bbubblun [bbubb<lawn] s.m. e agg., , chi o che molto grasso: s fatt gn nu bbubblun ingrassato molto; vd. ciabbutt.

bbubb [bbub<bu] 1)voce con cui si esprime la sensazione del freddo: bbubb ch fridd! che freddo! 2)voce imitativa dellabbaiare del cane; fig.: fe schtta bbubb come il cane che abbaia e non morde.

bbucccc [bbuk<katt] s.m., vasetto di vetro per la conservazione di prodotti alimentari: tuglj nu bbucccc d pmmadur, d fugn, d salgccia prendi un vasetto di pomodori, di funghi, di salsiccia.

bbuccatura [bbukka<tiwra] s.f., riprovevole abitudine al linguaggio licenzioso o scurrile.

bbucctt [bbu<ttett] s.f.p., gioco del biliardo con biglie (dette anchesse boccette) pi piccole di quelle per il gioco con la stecca, lanciate a mano.

bbucch [b<bukk] s.m., 1)zaino usato dai pastori per riporvi cibo e vestiario, tascapane; 2)piccolo involucro a forma di sacco, atto a contenere la biada che si d in pasto ai cavalli; vd. zzin.

bbucchntt [bbukk<n$tt] s.m., bocconotto. Miscischia.

bbufftta [bbuf<fetta] s.f., tavolino basso, spesso adoperato per mangiare accanto al fuoco.

bbuffttun [bbufft<tewn] s.m., colpo sulla guancia, pugno: ch dd bbuffttiun rallunghtt ndrra con due cazzotti lo mise a tappeto; vd. cazztt.

bbujcca [bbu<jakka] s.f., pasta di cemento che si sparge nelle fughe delle mattonelle perch si cementino fra loro.

bbulgnin [bbulˣ<ojn] s.m., pietra lavorata da costruzione.

bbummecia [bbum<mta] s.f., bambagia, cotone idrofilo.

bbubbia [b<bwobbja] s.m., bubbone, ascesso, ernia: j s fatta na bbubbia a na cssa gli si formato un bubbone alla gamba.

bbun [b<bwon] s.m. e agg., buono, umano, affettuoso, capace, che ha doti positive; fras.: bbun bbun alla fin fine; gn sc bbun come va va; statt bbun stammi bene.

bbutt [b<bwott] s.m., botto, colpo; fig.: puzz fe ru bbutt d sangu possa schiattare vomitando sangue; ru patrun t fa fe ru butt l sangu il padrone ti fa lavorare molto; vd. bbtta.

bbuscirda [bbu<arda] s.f., bocciarda, martello a piccole punte piramidali per rendere ruvide le pietre.

bbusciardill [bbuar<djell] s.m., almanacco, barbanera.

bbuscijja [bbu<ojja] s.f., bugia: ch la buscijja sc cmba la bugia aiuta a vivere; prov.: la buscijja tjj l zamb crt prima o poi la verit si scopre.

bbuttgliun [bbutt˰<ewn] s.m., fiasco; vd. fisch, mbagliatill.

bbuzzarej [bbuddza<rj] v.tr., buggerare, imbrogliare, ingannare; vd. frchej.

                INDIETRO                                  C

 

ITALIANO-DIALETTO   B